articolo (94)

L’associazione mista: dalla casualità all’opportunità

L’associazione mista: dalla casualità all’opportunitàCon il termine « mista» si intende un’associazione di medici di medicina generale e di pediatri di libera scelta che hanno i propri studi nella stessa sede e che lavorano in rete. Esistono molte situazioni di coabitazione dei due tipi di cure primarie, ma, solitamente, in esse non nascono progetti comuni per la gestione programmata delle famiglie in carico congiunto.

 

Vietato sbagliare mira

quesito diagnosticoL’obbligo di indicare il quesito diagnostico sulle richieste di prestazioni di laboratorio e strumentali introdotto con apposita delibera della Regione Lombardia dal primo gennaio del 2009, ha già offerto l’occasione ad alcuni colleghi per fare su Occhio Clinico alcune considerazioni di tipo metodologico ed epidemiologico in merito alle peculiarità del processo diagnostico in medicina generale (vedi «Interventi e discussione»)... di GIUSEPPE BELLERI

«Io non segnalo»: medici e associazioni contro la denuncia degli irregolari

La battaglia etica e morale per garantire l’assistenza medica a chiunque ne abbia bisogno, a prescindere dal suo status giuridico, si era già concretizzata su Occhio Clinico prima dell’inizio dell’iter legislativo della norma abrogativa del divieto di denuncia del paziente «irregolare»...

Una bussola per la ricerca italiana

Una bussola per la ricerca italianaValeva la pena di andare a Gardone Riviera per il 30° Seminario dei laghi della Fondazione Smith Kline (Fsk), anche solo per ascoltare l’intervento di Alessandro Liberati, ricercatore presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e presso l’Agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia-Romagna...Di Gianluca Bruttomesso

Come si lavora in una Conferenza di consenso

Come si lavora in una Conferenza di consensoLa terapia ormonale sostitutiva (TOS) rientra a pieno diritto tra le questioni cliniche controverse e ha visto varie scuole di pensiero scontrarsi quasi in modo ideologico, dividendosi per anni tra favorevoli o contrarie. La pubblicazione dello studio WHI ha contribuito a riaccendere la diatriba lasciando come conseguenza le donne in balia di messaggi confondenti, perché tra loro in contrasto...Di Marina Bosisio

Appropriatezza, unico baluardo possibile contro lo spreco in sanità

Appropriatezza, unico baluardo possibile contro lo spreco in sanitàIl fenomeno del low cost si è andato diffondendo in tutti i settori del mercato e ora sta investendo anche il mercato della salute. Ma qual’è la strada maestra: prestazioni a basso costo o prestazioni corrette?

Uno sguardo ai modelli organizzativi degli altri

L’importanza assegnata dal governo regionale alle cure primarie, la carenza di professionisti e le risorse limitate hanno generato, in Catalogna, innovazioni organizzative incorporate nel sistema sanitario pubblico.
Di Gianluca Bruttomesso

JAMA si occupa del programma Sanità dei candidati alla presidenza USA

Nel 2007 la spesa sanitaria pro capite negli Stati Uniti è stata di 7600 dollari, superiore a quella di qualsiasi altro paese al mondo; a fonte di ciò, negli Stati uniti più di 400 milioni di americani sono sostanzialmente privi di assistenza sanitaria, e altri 25 milioni ne hanno una limitata.
Di Gianluca Bruttomesso

Vigilare sul rischio iatrogeno?

Una mia paziente in villeggiatura in montagna mi telefona dall’ospedale di zona, dove ha portato Giorgia, la sua bambina di 5 anni, che ha vomitato ininterrottamente per tutta la notte, fino ad avere vomito ematico...
Di Patrizia Iaccarino

Il colpo di frusta: revisione della letteratura metanalitica

Il colpo di frusta è un trauma che frequentemente porta il paziente dal medico di medicina generale, ma gli studi di confronto sui vari trattamenti o tra trattamento e astensione dallo stesso sono pochi e di qualità eterogenea.
Di Alberto Vaona e Marco Orrico

Condividi contenuti