Archivio - Set 2008

Data
  • All
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30

Salute orale a cuor sereno

Una storia di eccessi medici (di procedure, di esposizione a rischi fisici e farmacologici) può essere risolta con una pratica clinica in cui il buon senso si coniuga con linee guida evidence based.
Di Laura Frosali

Un occasione per il medico di fare il chirurgo

La medicazione delle ulcere croniche rappresenta sicuramente uno degli aspetti dove più spesso si applica l’artigianato, più che l’arte, del curante.
di Andrea Mangiagalli

Attitudini religiose e attitudini verso la medicina

Negli ultimi anni, la mia sala d’attesa sta sempre più assumendo la connotazione del melting pot tipico delle società multietiche. Anzi, per la verità, mentre il concetto di melting pot rimanda a un crogiuolo in cui si fondono nazionalità ed etnie in un felice meticciato culturale, io vedo piuttosto una macedonia o insalata russa, con gli ingredienti sotto lo stesso condimento, ma ben distinti tra loro...
Di Giordano Vecchi

Attenti al rene!

Ho recentemente aderito al percorso diagnostico terapeutico proposto nella mia ASL per il diabete di tipo 2; in esso, uno dei capisaldi del controllo delle complicanze era la ricerca, almeno semestrale, della microalbuminuria...

Insulina d’emblée?

Una signora di 48 anni, nata e vissuta a lungo in Sardegna, da poco mia paziente in seguito a cambio di domicilio, grazie all’esecuzione di esami ematochimici e batteriologici prescritti per ripetute infezioni alle vie urinarie e dimagrimento, ha scoperto di essere diabetica...

Malattie di una volta: la pellagra dei contadini

La pellagra infatti, che da qualche lustro tanto si è propagata, assale sempre miserabili, mancanti i quali di congrue dimore, gli uni cogli altri accatastati...

Quando si spegne il rumore metallico della vita

Giuseppe ha una malattia neurologica su base degenerativa, forse autoimmunitaria, che si chiama «malattia dei motoneuroni» e attacca le cellule nervose motorie. Giuseppe ce l'ha da otto dei suoi sessant'anni anni: da allora è steso sul letto e non può muovere nemmeno un dito...
Di Fabio D’Alessandro